Follow by Email

25/01/13

Atene brucia, l'Italia fuma


 
di Fabio Pupulin

Racconta un blogger da Atene:

"...  Infatti, ho appena realizzato quanto il gasolio sia dannatamente amico dell'ambiente, rispetto al bruciare cose in un camino o una stufa. Si, ho proprio detto "cose": la gente sta bruciando mobili, plastica, materiali da costruzione e persino le ciabatte per scaldarsi quando fa freddo. E questo rende la coltre di fumi che copre le nostre città ancora più tossica."

 Scrive l'amico Paolo Barnard sul suo sito:

 "Le notizie che arrivano dalla Grecia sono di quelle che uno non ci può credere. Li hanno ricacciati al medioevo. I greci stanno disboscando i parchi, i campi e le colline per scaldarsi. Buttano nel fuoco i libri di casa, i mobili, qualsiasi cosa bruci, con vernici e tutto. Ad Atene le malattie polmonari sono aumentate del 300% a causa dei fumi della legna arsa negli appartamenti. Ma vi rendete conto? Bruciano legna in casa, nel condominio, per non morire di freddo."

Non stiamo parlando di fantascienza, stiamo parlando di quello che sta accadendo in queste ore drammatiche in Grecia, un paese amico e goegraficamente vicino a noi italiani, gran popolo di pecoroni, che mentre viene tosato e spolpato, ringrazia e implora i suoi carnefici di continuare.

In Grecia, mezzo milione di famiglie sono senza elettricità perché non sono più in grado di pagare la bolletta, ed intanto i nostri mezzi di disinformazione di massa se ne stanno bellamente in silenzio, limitandosi a riportare la notizia tra le righe, senza ricercare i veri motivi o approfondirne le cause. 

Anzi, una simile tragedia viene strumentalizzata dai pavidi conduttori da salottini per V.I.P., per permettere al mentitore Monti, di affermare che in Italia, se non siamo costretti  a bruciare i mobili, è solo grazie a Lui!

Il tutto, per permettere a quest'impostore di farsi campagna elettorale in assoluta solitudine, senza avere di fronte nessuno a contraddirlo. 
Assurdo, mai vista una cosa simile nella storia di questa disgraziata repubblica.

Questo attempato signore si sta prendendo gioco di un intero popolo, e si sta candidando a condurci tutti quanti all'inferno. 

Un inferno fatto di disoccupazione, di deindustrializzazione, di attività che muoiono come mosche, di fuga di capitali e persone capaci all'estero, di fuga di investitori da un Paese ormai avviato verso l'inesorabile declino.

Un inferno fatto di forze dell'ordine impotenti davanti ai veri criminali e senza benzina per le auto e cancelleria per gli uffici.

Un inferno fatto di povertà e disperazione, che priva di una qualsiasi speranza di costruirsi un avvenire le giovani generazioni, ormai ridotte ad un tasso di disoccupazione che viaggia spedito verso il 40% e non intende arrestarsi, mentre chi è "fortunato" e trova un lavoro, è costretto al precariato a vita.

Un inferno voluto da pochi per far pagare a tutti noi le loro perdite al casinò della finanza speculativa (v. i derivati-bomba celati dentro tutte le più grosse banche del Paese) e soddisfare i loro peggiori istinti di prevaricazione dell'uomo sull'uomo.

Un inferno fatto di criminali senza scrupoli che si spacciano per salvatori della patria.

Noi italiani abbiamo solo una fortuna, guardando ora la Grecia, è come se ci guardassimo allo specchio tra un anno, o poco più, ma siamo talmente vili che facciamo finta che l'immagine riflessa sia di qualcun altro.







6 commenti:

  1. Ancora 'sta bufala messa in giro sul blog Petrolio? Ma controllarle le cose prima di ripostarle, no? Mi autocito:

    "Ultima cosa: visto che sono un troll e non dovete ascoltarmi, basta
    inserire "webcam atene" in un qualunque motore di ricerca...esempio:

    http://nifada.com/webcam/panor...

    Qualcuno vede l'orrendo smog di cui parla Debbie? No?
    Sapete perchè? PERCHE' LA FOTO E' DI UN NEBBIONE DEL 2006!!! :'D

    http://nifada.com/news2006_en....

    Questo è raccontare BALLE, questo è prendere per il culo la gente,
    questo è fare meschino, miserabile sciacallaggio vergognoso! VERGOGNA!!"

    Saluti dalla Grecia, eh, e cerchiamo di non berci ogni vaccata che vi si mette sotto gli occhi come con la televisione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro blogger “sconosciuto” (nemmeno il nome hai il coraggio di postare!), tanto per cominciare io non ho proprio nulla di cui vergognarmi, e non racconto “BALLE”, visto che io ci metto oltre che al nome, anche la faccia in quello che dico o scrivo. Non è mia intenzione “prendere per il culo” nessuno, nemmeno te!

      La foto di copertina non ha nulla a che fare con Atene, potrebbe essere anche Villanova di sera!
      Quello che è importante è la notizia, verificata, che in Grecia stanno bruciando i mobili perché le misure di austerità imposte dalla troika stanno riducendo un intero popolo alla fame.
      Oppure, come vorresti far intendere la questione tu, la crisi non esiste perché la foto è del 2006?
      Quelli come te, in gergo, si chiamano “debunkers”, lo sai vero?

      Per concludere, e poi non perderò più tempo con te, modera il tuo indisponente linguaggio.

      P.S. le “vaccate” della tv io non me le bevo, perché la tv non ce l’ho! Si vive meglio e si evita di uniformarsi ad un linguaggio da finto indignato come il tuo.

      Elimina
  2. "La foto di copertina non ha nulla a che fare con Atene, potrebbe essere anche Villanova di sera!
    Quello che è importante è la notizia, verificata, che in Grecia stanno bruciando i mobili perché le misure di austerità imposte dalla troika stanno riducendo un intero popolo alla fame."

    Non sulla mia isola.
    Probabilmente ad Atene e Salonicco sta succedendo, so che nelle grandi città sono messi male, ma dovrei fare un paio di telefonate per controllare.

    Resta il fatto che la foto è falsa e intenzionalmente mistificatoria, e il commento è copia di quello postato sul blog che la riporta originalmente "Petrolio" e quindi "balle" è riferito a Debbie Billy.

    "Oppure, come vorresti far intendere la questione tu, la crisi non esiste perché la foto è del 2006?"

    Quello che dico è che io in Grecia ci vivo, controlla pure IP e Provider, e che ne ho i coglioni pieni dei mentecatti come Barnard e predicatori di sciagure a gettone che fanno gli sciacalli su quanto sta succedendo in Grecia per i propri interessi di propaganda politica del cazzo.

    "Quelli come te, in gergo, si chiamano “debunkers”, lo sai vero?"

    Guarda adesso me lo scrivo e lo archivio fra "sai che me ne frega" e "ficcatelo dove non batte il sole"...e non sono neanche un blogger, fra l'altro - ho solo un account email su Google...ma dimmi te...

    E levatemi dalle balle quel nano maledetto una volta per tutte, per la miseria, che da quando hanno ritirato fuori il Berlusca dal frigo i greci hanno ricominciato a prendermi per il culo al riguardo...persino come sono messi vi compatiscono, fatevi un po' due conti...

    RispondiElimina
  3. P.S:

    "In Grecia, mezzo milione di famiglie sono senza elettricità perché non sono più in grado di pagare la bolletta, ed intanto i nostri mezzi di disinformazione di massa se ne stanno bellamente in silenzio, limitandosi a riportare la notizia tra le righe, senza ricercare i veri motivi o approfondirne le cause. "

    Ecco, se vogliamo approfondire con cura, il motivo VERO per cui la gente non può pagare le bollete è perchè in Grecia, nella bolletta elettrcia, vengono incluse TASSE COMUNALI, CANONE TV e da due anni la nuova TASSA SULLA CASA, l'IMU locale...sorpresona, eh?

    Non ve lo dice il caro Barnard che la gente si potrebbe permettere la corrente elettrica se lo stato predone non facesse staccare la luce a chi non ce la fa a pagare il ladrocinio di tasse usate per comprare da Francia e Germania carri armati e navi da guerra (le condizioni per i "bailout" includevano questi contratti che hanno portato la spesa pubblica militare credo sopra al 4% del PIL, secondi soli agli USA NEL MONDO)? Non ve lo dice che è lo stato che stacca la spina ai "maledetti evasori fiscali"? Eh?

    In Grecia come in Italia giù a massacrare di tasse e intanto spesa pubblica e debito pubblico AUMENTANO e la chiamiamo austerità?
    No, si chiama "presa per il culo" - con estorsione, per inciso.

    Chiamami ancora debunker, ma vieni qua sulla mia isola a dirlo, venite a fare i discorsi ai greci in persona se volete vedere le reazioni!
    (Barnard no, eh: tenetevelo che penso per il colpo di grazia non servano comunque aiuti...).

    RispondiElimina
  4. "il motivo VERO per cui la gente non può pagare le bollete è perchè in Grecia, nella bolletta elettrica, vengono incluse TASSE COMUNALI, CANONE TV e da due anni la nuova TASSA SULLA CASA, l'IMU locale...sorpresona, eh?"

    Ecco, molto bene, ora cominciamo a ragionare, queste sono informazioni utili che nessun mass media in italia ha fornito.
    Anche in Italia è già stata avanzata l’idea di includere in un’unica tassa tutte quelle che hai citato, e stai sicuro che lo faranno.
    E’ scritto.
    Come ho detto nella parte finale dell’articolo, la Grecia è in grado di farci vedere la nostra immagine riflessa allo specchio con un anno di anticipo.

    Ciao

    RispondiElimina
  5. Ciao a tutti,

    date un'occhiata anche qui:

    http://www.thegwpf.org/greece-shows-poverty-degrades-environment/

    La foto è stata scattata la sera del 3 gennaio 2013.

    RispondiElimina